Rendimenti conto deposito: quanto si guadagna all’anno

conto deposito quanto si guadagna

Oggi praticamente tutte le banche offrono ai propri clienti la possibilità di aprire un conto deposito. Ben diverso rispetto ad un conto corrente, il conto deposito permette di accumulare interessanti interessi nel corso dei mesi. I rendimenti sul conto deposito variano molto da banca a banca, prima di attivare questo tipo di prodotto finanziario è quindi importante informarsi in modo accurato.

Quanti interessi, in quanto tempo

Il rendimento sul conto deposito dipende da una serie di fattori, il primo riguarda l’effettiva offerta della banca. In termini assoluti si tratta di percentuali non elevatissime, inferiori all’1%, ma se si considera che tali rendimenti sono certi, assicurati da un contratto tra il cliente e la banca, e che per averli non si deve fare assolutamente nulla, appare chiaro che anche ricevere solo alcune decine di euro all’anno sul proprio deposito è già un’offerta vantaggiosa.

L’altro elemento che porta ad un’ampia variazione dei rendimenti sul conto deposito riguarda l’eventuale presenza o assenza di vincoli.

Il conto deposito vincolato

Alcune banche offrono ai propri clienti interessi maggiori sul conto deposito nel caso in cui i fondi versati siano vincolati per un certo periodo di tempo. In pratica il cliente si impegna a lasciare i fondi sul conto, senza spostarli o prelevarli in alcun modo.

Questo dà spazio alla banca per investimenti e operazioni finanziarie anche di lunga durata, portando alla possibilità di ottenere interessi maggiori. Anche in questo caso il guadagno è prefissato e dipende dalla durata del vincolo, si va in genere da 3-6 mesi fino a 2-4 anni. Nel caso in cui i fondi vengano prelavati prima dello scadere del vincolo si perdono, ovviamente, tutti gli interessi maturati.

Quanto costa un fondo deposito

Il costo di un fondo deposito, per l’apertura e la gestione delle operazioni, dipende dalla banca scelta. In linea generale i costi sono bassi e ci sono anche banche che propongono ai propri clienti conti deposito a costo zero. L’imposta di bollo viene stabilita dallo Stato e ad oggi ammonta allo 0,2% sulle cifre presenti sul conto nel momento in cui si effettua la chiusura fiscale annuale, quindi in genere al 31 dicembre.

Alcune banche si offrono di pagare l’imposta di bollo a nome del proprio cliente, questo consente di aumentare leggermente l’effettivo guadagno ottenibile con il conto deposito.

Quale conto scegliere

Visto che l’offerta è ampia, scegliere il conto deposito migliore non è cosa facile; anche perché ogni investitore ha il proprio comportamento e le proprie esigenze. Si tende di solito a prediligere i conti che offrono maggiore versatilità, quindi ad esempio la possibilità di spostare come e quando si vuole una data cifra dal conto, per posizionarla sul conto corrente; oppure anche l’eventuale possibilità di vincolare solo una parte dei fondi disponibili sul conto deposito.

Chiaramente chi utilizza questo tipo di strumento finanziario per investire il capitale che ha la certezza che non gli servirà nel prossimo futuro dovrà prediligere i conti che consentono elevati guadagni con il vincolo dei fondi presenti. Viceversa, chi teme degli imprevisti per i quali potrebbero servirgli dei fondi dovrebbe evitare i conti vincolati, soprattutto con vincoli superiori ai 12 mesi.

Be the first to comment on "Rendimenti conto deposito: quanto si guadagna all’anno"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*