Le criptovalute: moda passeggera o rivoluzione?

le criptovalute

E’ indubbiamente uno degli argomenti che comporta maggiori discussioni in campo economico: le criptovalute sono affidabili? E’ una domanda alla quale è davvero difficile fornire una risposta adeguata in quanto non si riesce ancora a comprendere se il bitcoin, la moneta virtuale per eccellenza, e le altre criptovalute rappresentano un moda passeggera o una vera e propria rivoluzione in ambito monetario.

Per cercare di fugare ogni dubbio sull’argomento, è opportuno fare un po’ di chiarezza precisando innanzitutto cosa sono le criptovalute e quale sarà il loro presumibile percorso. (per approfondimenti sulle criptovalute, vi invitiamo a visitare questo sito)

Cosa sono le criptovalute

La criptovaluta viene definita come una moneta di tipo digitale utilizzata come bene di scambio nelle transazioni che, per essere ritenute sicure, devono basarsi sulla crittografia e devono controllare la creazione di nuova valuta virtuale. Ne consegue quindi che il principale vantaggio derivante dall’utilizzo di criptovaluta è dato dalla sicurezza delle transazioni, mentre lo svantaggio più grande è dato dalla possibilità di incorrere in colossali truffe.

La criptovaluta maggiormente diffusa, e che possiamo prendere ad esempio per spiegarne le diverse caratteristiche, è rappresentata dal Bitcoin, moneta nata nel 2009 grazie all’intuizione di Satoshi Nakamoto che intuì per primo la possibilità di utilizzare una moneta virtuale nelle transazioni. Pur se negli anni sono nate molte altre criptovalute, il Bitcoin resta ancora oggi quella più diffusa e importante, tanto che recentemente è iniziata anche la sua valutazione in Borsa.

Come le principali monete reali, come Euro e Dollaro, il Bitcoin è un normale mezzo di scambio che grazie alla crittografia permette di scambiare informazioni digitali. La crittografia ha anche altre due importanti funzioni: quella di proteggere le transazioni che avvengono tramite la moneta virtuale e quello di evitare la creazione di nuova moneta.

Oggi infatti in commercio esistono circa 21 milioni di Bitcoin e non se ne creano di ulteriori per evitare uno dei principali fenomeni, legato alle leggi monetarie, ossia l’inflazione. E’ ovvio che Bitcoin non rappresenta l’unica criptovaluta esistente in commercio. A questa si affiancano Litecoin, Ethereum e la moderna One Coin una nuova criptovaluta che, secondo gli esperti di economia monetaria, dovrebbe in un periodo di tempo relativamente breve, soppiantare del tutto Bitcoin.

Ma le criptovalute sono una moda o una rivoluzione?

Uno dei punti deboli del sistema delle criptovalute è dato dalla loro vulnerabilità nel tempo che non riesce ancora a far comprendere se rappresentino realmente una rivoluzione che permetterà di abbandonare la moneta reale come mezzo di scambio o sono solo una moda temporanea. A ciò si affiancano anche i dubbi derivanti dagli effetti speculativi: non appena a Bitcoin sono state aperte le porte della Borsa Valori, il primo effetto è stato un rialzo del prezzo enorme cui ha fatto seguito una perdita secca del 40% del valore in appena 3 giorni.

Sono davvero tanti gli interrogativi su questa valuta che in appena 2 anni ha visto il suo valore aumentare di circa 10 volte. Secondo gli esperti del settore, affinché una valuta sia affidabile e rappresenti un ottimo strumento di pagamento, deve avere un valore che non sia estremamente volatile. Il dubbio di fondo è che si tratti di un investimento o di uno strumento di pagamento estremamente rischioso. Basti pensare infatti che per acquistare Bitcoin bisogna utilizzare moneta corrente: quindi si usa moneta reale per ottenere moneta virtuale.

Questa semplice considerazione potrebbe in realtà far comprendere che dietro alle criptovalute si nascondi una enorme truffa speculativa. Per capire se si tratti solo di una moda del momento e non di uno strumento rivoluzionario, bisognerebbe capire perché le principali autorità monetarie abbiano acocnsentito in silenzio alla crescita esponenziale delle criptovalute e comprendere chi si nasconde dietro a questri strumenti di pagamento.

Be the first to comment on "Le criptovalute: moda passeggera o rivoluzione?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*