La storia della cartomanzia: dalle origini al successo attuale

storia della cartomanzia

Anche se oggi è facile e accessibile a tutti il settore della cartomanzia, in passato non è sempre stato così. Velato da un grande alone di mistero, la lettura dei tarocchi è da sempre una delle pratiche più mistiche, segrete e affascinanti che accoglie le paure e le domande dell’uomo sul proprio destino.

Leggere il futuro per alcuni è una follia, ma per tantissime persone è un modo per vivere più sereni; mossi da un’ansia inconscia della propria vita fin dall’origine molti uomini ricorrono a questa pratica in maniera costante.

Oggi la pratica dei tarocchi online facilita il gioco: basta trovarsi nei siti come Esotericus per avere a disposizione tutti i modi per usufruire dei servizi, e scoprire tutte le attività relativi alla cartomanzia. Ma, se Internet oggi ci permette di avere tutto a portata di mano, in passato non era così semplice e palese neppure questo settore.

Dall’origine

La cartomanzia non è di certo una categoria ufficiale e garantita, ma possiede un fascino ineguagliabile. È un mezzo di divinazione che sembrerebbe risalire addirittura agli antichi egizi: era utilizzato come un sistema di combinazione tra la lettura delle carte e l’interpretazione dell’astrologia.

Ma lo scopo, sia in origine che oggi, pareva essere sempre lo stesso: prevedere il futuro e interpretare il nostro destino. Anche l’antica popolazione cinese sembrerebbe che nel XII secolo diffondeva la pratica esoterica attraverso Domino: uno strumento di chiaroveggenza molto più autentico rispetto al gioco della cartomanzia, come ci viene tramandato.

I simboli

Sappiamo benissimo che il settore della cartomanzia è uno tra i più simbolici: le carte e i geroglifici che vengono utilizzati per la lettura rievocano interpretazioni e figure ormai di grande riferimento anche per chi non fa uso diretto della disciplina. Tra questi, ad esempio, ci sono i simboli dell’Eremita, dell’Imperatrice o del Carro e del Bagatto.

Tutto questo simbolismo accentuato ha sempre provocato molte critiche: la chiesa cattolica è da sempre la prima a dichiarare il disappunto verso l’esoterismo di questa pratica, ritenendola blasfema; si basti pensare alla figura del Papa che nella lettura delle carte è invece associata ad una figura femminile. Scegliere la cartomanzia per molti indica proprio un atteggiamento antireligioso, per altri invece è semplicemente un gioco da provare.

L’evoluzione

Nel corso degli anni la categoria ha subito molte varianti, sia nell’interpretazione che negli strumenti di lettura: anche le carte stesse nel tempo hanno subito trasformazioni, fino ad arrivare al moderno concetto di cartomanzia e agli attuali mezzi di gioco.

Basti pensare alla trasformazione pratica della cartomanzia: dalla lettura a tavolino fino alle chiamate ai call center delle cartomanti. Molti restano tradizionali e preferiscono recarsi personalmente verso “il proprio destino”, ma anche i più scettici oggi possono tentare di scoprire il loro futuro semplicemente alzando la cornetta del telefono.

Ma quello che potrebbe sembrare un gioco non lo è per davvero, scegliere che qualcuno legga la vostra vita può provocare anche suggestioni poco piacevoli, perché ogni gioco è sano quando non diventa un’ossessione.

Be the first to comment on "La storia della cartomanzia: dalle origini al successo attuale"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*